Tamtando | Bil Aka Kora e Tamtando
19336
page-template-default,page,page-id-19336,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive
 

Bil Aka Kora e Tamtando

Bil Aka Kora e Tamtando in un coinvolgente concerto al confine tra reggae e afro-pop.

Il re del Djongo, genere musicale che nasce dalla tradizione Kassena del sud del Burkina Faso, in scena con un’insolita orchestra di percussioni, fiati, band elettrica e coro per dare vita a una nuova narrazione in cui Africa, tradizione e amicizia si fondono in uno spettacolo ricco di ritmi, melodie e colori.

BIL AKA KORA nasce nel 1971 a Po, Burkina Faso. È considerato il Re del Djongo, musica tradizionale del sud del Burkina Faso che ha però modernizzato, ed è diventato ben presto famoso al di fuori dei confini del suo paese, nonostante i testi siano in Kassena, una lingua parlata da appena l’1% della popolazione. I suoi testi affrontano temi sociali.

DISCOGRAFIA: 

1998 Douatou, 2002 Ambolou, 2004 Dibayagui, 2009 Yaaba, 2014 Vessaba, 2019 Fulu

Da tutti considerato il Re del Djongo, è diventato ormai legittimo ambasciatore nel mondo della sua cultura di appartenenza; i suoi codici narrativi e musicali hanno consentito di valorizzare e raccontare in modo immediato la tradizione Kassena.

Nato nel 1971 a Po, Burkina Faso, durante il liceo impara a suonare la chitarra sotto la guida del ghanese Salah Ben. Costretto ad abbandonare per difficoltà economiche gli studi universitari di matematica e fisica, si dedica a tempo pieno alla musica guadagnandosi da vivere suonando nei bar e nelle discoteche. 

Nel 1997 vince il Primo Premio a Les Grands Prix Nationaux de la Musique, concorso nazionale per musicisti burkinabé, riconoscimento che lo incoraggia a continuare a sviluppare il suo talento musicale. Si esibisce in televisione e, nel dicembre 1998, registra il suo primo album, “Douatou”. Direttore musicale di diversi documentari cinematografici e colonne sonore durante la XVIII edizione del FESPACO (Festival Panafricain du Cinéma de Ouagadougou), nel 2004 compone la colonna sonora del film “Sofia” del regista Aboubacar Diallo, commedia romantica in cui è anche tra i protagonisti. Nel 2000 e nel 2005 vince il prestigioso Kundé ‘Or, per il suo video “Dibayagui”.

Recita e canta nella pièce teatrale “Une nuit à la présidence” scritta e diretta da Jean-Louis Martinelli, spettacolo che farà tappa nel 2013 al Napoli Teatro festival Italia e poi nel 2014 al Théâtre Nanterre-Amandiers.

Le sue tournée in Francia, Italia, Canada e in molti paesi africani gli hanno permesso di incontrare artisti come il musicista austriaco Humber Von Goisen e il canadese Gerald La Roche.

Kora dirige uno studio di produzione chiamato Djongo Diffusion con cui promuove giovani musicisti africani.


Un inno all’interculturalità. Bil riesce a far assaporare tutto il piacere che scaturisce dall’incontro di voci, musiche e strumenti. 

(Planète de culture)

Ecco a voi il razzo Bil Aka Kora su un altro pianeta. Grazie a un mix fatto di poesia, di contenuti solidi, di ritmi tipici della tradizione Kasséna, Bil attira a ogni spettacolo un pubblico che fatica a tornare a casa… Ancora, ancora..! Un nuovo punto di vista nel panorama musicale che piazza l’artista sul piedistallo del grandi. 

(L’événement)

La sua voce calda e profonda fa meraviglie in canzoni che raccontano in gourounsi, in mooré e in francese (irresistibile aritmetica) l’Africa in tutte le sue forme. 

(Chorus)

Stage & Photo